lunedì 18 maggio 2009

Tandaradei
Ormai è imminente lo spettacolo profumato e suadente della fioritura dei Tigli. Tra qualche giorno le città oramai accompagnate dallo smog e dal traffico saranno pervase dall'odore dolce e inebriante dell'albero dalle grandi foglie verdi e cordate e apportatore di ombra. Ne omaggiamo la sua storia antica attraverso due canzoni e video che si rifanno alla poesia "Under the linden" del poeta medievale tedesco Walther von der Vogelweide ( 1170 circa - 1230 circa).
Signore e Signori
lo spettacolo della fioritura dei Tigli stà per iniziare.
Partecipate numerosi, l'ingresso è gratuito!



«Under der linden an der heide,
dâ unser zweier bette was,
dâ mugt ir vinden schône beide
gebrochen bluomen unde gras.
vor dem walde in einem tal,
tandaradei,
schône sanc diu nahtegal.
Ich kam gegangen zuo der ouwe,
dô was mîn friedel komen ê
dâ wart ich enpfangen, hêre frouwe,
daz ich bin sælic iemer mê.
kuster mich? wol tûsent stunt,
tandaradei,
seht wie rôt mir ist der munt.
Dô hât er gemachet alsô rîche
von bluomen eine bettestat.
des wirt noch gelachet inneclîche,
kumt iemen an daz selbe pfat.
bî den rôsen er wol mac,
tandaradei,
merken wâ mirz houbet lac.
Daz er bî mir læge, wessez iemen
(nû enwelle got!), sô schamt ich mich.
wes er mit mir pflæge,
niemer niemen
bevinde daz wan er und ich
und ein kleinez vogellîn,
tandaradei
,daz mac wol getriuwe sîn.»
"Sotto il tiglio presso il prato là era il nostro giaciglio,
là potrete trovare belli insieme fiori rotti ed erba.
Davanti al bosco, in una valle,
tandaradei,
tanto bene cantava l'usignolo.
Camminando arrivai al prato: là era giunto il mio amore.
E là venni accolta così felicemente che ne sono sempre più estasiata.
Mi baciò? Oh, per mille ore!
tandaradei,
Guardate com'è rossa la mia bocca!
Là egli aveva costruito,quanto ricco di fiori, un giaciglio.
Riderà di cuore tra sé chi passi da quello stesso sentiero.
Presso le rose potrà,
tandaradei,
scorgere dove giaceva il mio capo.
Lui giacque con me.
Lo venisse a sapere qualcuno (non voglia così Dio)ne avrei vergogna.
E nessuno sappia mai quello ch’ha curato far con me,
a parte io e lui e un piccolo uccellino
tandaradei,
che certamente sarà fedele."

Nessun commento: