martedì 28 giugno 2011

Driadi e Amadriadi."The Dryad"
1884-1885
Evelyn De Morgan



L'estate è arrivata. Il sole caldo avvampa le nostre giornate e cresce sempre più la voglia di partire per luoghi freschi e ombrosi. Quale luogo migliore potrebbe refrigerare, con un pizzico di piacere, la nostra fantasia se non quello del bosco? Eccoci allora a proporre degli spunti sul tema fantastico delle ninfe abitanti degli alberi : le driadi e le amadriadi. Lo facciamo grazie a due quadri famosi ,"The Dryad" di Evelyn De Morgan, e "The Hamadryad" di Émile Jean Baptiste Philippe Bin, insieme alla nuova e fantastica enciclopedia virtuale Q.wiki , che parla in inglese con un linguaggio elementare e facilmente comprensibile. Le driadi erano ninfe bellissime che abitavano nei boschi privilegiando le grandi querce (driade infatti deriva dal temine greco Drys che vuol dire quercia) e si differenziavano dalle amadriadi per il fatto di non essere un tutt'uno con l'albero, e né di morire con essi al momento di un sua caduta o taglio.Inoltre le driadi potevano muoversi liberamente nel bosco, danzare, unirsi anche con semplici mortali o intrecciare storie d'amore con personaggi mitologici. Per una buona estate da passare insieme ai nostri amici alberi, vi lasciamo quindi in compagnia delle driadi e delle amadriadi. Se cliccate sulle immagini dei quadri potrete ascoltare la spiegazione di Qwiki.


"The Hamadryad"
Émile Jean Baptiste Philippe Bin
1870
Musee d'Art Thomas Henry, Cherbourg, Francia.

Nessun commento: