domenica 24 ottobre 2010

Il 21 Novembre festeggiamo gli alberi insieme.

E' stato approvato dal Consiglio dei Ministri, il 22 Ottobre 2010 , il Disegno di legge recante Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani proposto dal Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Stefania Prestigiacomo. Tra i vari provvedimenti di cui si occupa prevede la trasformazione della Festa dell'albero in Giornata Nazionale dell'Albero che si svolgerà, annualmente, il 21 Novembre. Ora il Decreto legge, dopo che sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, dovrebbe passare al Parlamento per essere trasformato in legge ( E' questa la prassi? Noi siamo esperti di alberi meno di pratiche legislative, fatecelo sapere a amicideglialberi@hotmail.com ). Ci piace il logo e l'idea di ridare vigore e rinnovamento alla festa, ci piace un po' meno invece il fatto che sia principalmente rivolta come "educazione dei più piccoli e non". Auspichiamo, quindi per il prossimo futuro, che si inizi a pensare a una festa e Giornata Nazionale dell'Albero non soltanto come una "cosa per bambini" ma come una festa vissuta e organizzata per i grandi (i "non") , quei "grandi" che sempre di più, giorno dopo giorno, sembrano ignorare l'esistenza degli alberi (esseri viventi fatti di cellule come noi) nella vita quotidiana e delle loro storie ricche di cultura e bellezza che ci raccontano da sempre. Una festa quindi che non sia solo educazione ma anche cultura : la cultura degli alberi. Di seguito postiamo un brano della presentazione della giornata estratto dal sito del Ministero dell'Ambiente.

Il Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo

«Con questo disegno di legge che istituisce la Giornata nazionale dell'albero – afferma il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo – vogliamo promuovere la cultura del verde a 360 gradi: non solo la piantumazione, importante per la qualità dell’aria delle nostre città, per la riduzione dell’inquinamento acustico e per il risparmio energetico, ma anche l’educazione dei più piccoli e non alla conoscenza e al rispetto della natura. La creazione di un ambiente sostenibile per le prossime generazioni è un dovere di tutti e provvedimenti come questo vanno proprio nella direzione di raggiungere questo importante traguardo».

Nessun commento: